Inizia il nuovo corso de La Saetta. “Stiamo scrivendo una pagina di storia”

E’ bastata una settimana per scrivere una piccola pagina di storia nella terza categoria civitanovese. Al 31 dicembre, infatti, La Saetta era sull’orlo del ritiro dal campionato, con solo otto giocatori all’attivo e una situazione oramai irrecuperabile. Ieri, lunedì 7 gennaio, ben ventidue ragazzi, tre dirigenti e un nuovo mister ridavano vita, all’Antistadio Ciccarelli, ad una realtà pronta a terminare la propria stagione, prima di trasformarsi a giugno in La Boca Sette Colli. E’ il miracolo sportivo che il gruppo dirigenziale dei campionati Tec, capeggiati dal Direttore Generale Emanuele Trementozzi, è riuscito a concretizzare in appena sette giorni. Agli ordini del nuovo allenatore, il giovanissimo trentaduenne Roberto Navarra, infatti, la squadra si è ritrovata per dare vita ad un nuovo capitolo della propria vita, in un’atmosfera distesa da prima giorno di scuola. Baci, abbracci, rinnovato entusiasmo e prima seduta tecnico-tattica alla presenza dell’intera diligence del club.

“E’ stato come tornare indietro di 7/8 anni – affferma il DG Emanuele Trementozzi – ritrovare vecchi amici, vecchie abitudini ma rinnovate speranze. Ho abbracciato uno ad uno i ragazzi che, da settembre, hanno tenuto duro nella speranza di migliorare le cose. Tanti anni passati insieme, a divertirci, riuniti in così poco tempo. Penso a Fabio Farina, Emanuele Stacchietti, Omar Napoleoni, Francesco Sbarbati, Michele De Santis, Peppe Lufrano, Luca Giunchi, Paolo Bevilacqua; tutti ragazzi che, al nostro arrivo, si sono subito mostrati entusiasti. Un ringraziamento di cuore va anche ai nuovi arrivati, che si sono messi subito a disposizione e ci hanno aiutato a ricostruire la rosa. Faccio il mio personale in bocca al lupo al mister, ai dirigenti Matteo e Davide Trementozzi, Peppe Masullo e Patrick Di Lupidio. Senza dimenticare il segretario Angelo Broccolo, il nostro Enzino Berrettoni e il presidente Mario Paolini, che sosterremo con passione in questa avventura.Ora testa bassa e lavorare, che ci attendono tre settimane di stop utili per costruire un’identità di squadre e di gioco, in vista del grande esordio in casa dello Skorpion”.

“Abbiamo una grande responsabilità – afferma il Direttore dell’Area Tecnica Patrick Di Lupidio – permettere a questi ragazzi di continuare a credere in un calcio pulito e di continuare a sognare. In pochi giorni abbiamo già fatto tanto, ma è ancora poco in confronto al raggiungimento della perfezione che ci siamo posti come obiettivo. Abbiamo sei mesi di tempo per costruire il nostro futuro, a piccoli passi faremo tutto”.

“Per me è un’emozione unica essere qui – le prime parole del tecnico Roberto Navarra – In pochi giorni è avvenuto l’impensabile. Ho trovato un gruppo voglioso di fare bene, di ripartire e di mettersi in gioco. Partiamo da una buona base di esperti e un giusto mix con i giovani. Sono entusiasta di questo progetto, spero di trasmettere ai giocatori tutta la mia passione e le mie idee di calcio”.

“Ringrazio tutti coloro che sono rimasti e hanno creduto nel nuovo progetto – chiosa il presidente Mario Paolini – Avrmeo modo di strutturare per bene il futuro, ora concentriamoci sul presente e pensiamo a terminare con onore questa seconda parte di stagione”.

Lascia un commento